Pesoli scalpita: vuole esserci col Foligno

23 04 2008

Emanuele Pesoli, dopo aver saltato la partita di domenica a Terni, vuole rientrare a tutti i costi in squadra per l’ultima partita del campionato del Venezia a Sant’Elena con il Foligno. “Le sensazioni sono buone – ci ha confessato il forte difensore arancioneroverde -. D’accordo con il dottor Beggio si è deciso di non sottopormi ad altri esami clinici in quanto non sento più grandi sofferenze al polpaccio della gamba destra”. Difatti ieri solo cyclette e corse brevi. Mentre oggi, nella doppia seduta d’allenamento al Taliercio, ancora lavoro differenziato, ma più sostanzioso. La sensazione è insomma che Pesoli voglia domenica essere della partita. Anche per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. All’andata infatti non erano piaciuti a Poggi e compagni gli sfottò da parte di qualche impertinente giovane giocatore del Foligno dopo lo 0-2. Nessuno squalificato nel Venezia: del resto con la Ternana alcun arancioneroverde è stato ammonito. E nessuna sosta imposta dal giudice sportivo nemmeno nel Foligno che dovrebbe riproporre Coresi e Bonura alle spalle dell’unica punta, Domenico Girardi. 

Annunci




Paganese a mille, Venezia in salute

4 04 2008

Per la partita contro la Paganese è stato designato l’arbitro Gianmattia Tasso, della sezione di La Spezia, che sarà coadiuvato da Lorenzo Minardi e Lorenzo Giuseppe Scarano, entrambi di Taranto. L’arbitro spezzino non ha mai diretto il Venezia mentre ha già arbitrato gli azzurrostellati in due occasioni: Lecco-Paganese 1-0, il 2 settembre 2007, e Carrarese-Paganese 1-1, in serie C2, il 28 gennaio 2007. I campani ieri intanto hanno disputato una partita in famiglia contro gli allievi nazionali del proprio settore giovanile finita 10-0. Alla sgambata non hanno preso parte il difensore Criaco, l’attaccante Osso Armellino e il centrocampista Fusco. Quest’ultimo è stato tenuto precauzionalmente a riposo ma la sua presenza contro il Venezia non dovrebbe essere in dubbio. In panchina non siederà sicuramente l’allenatore in seconda Alfonso Pepe, squalificato per una giornata dal giudice sportivo per aver offeso il guardalinee durante Ternana-Paganese di domenica scorsa. Per quanto riguarda gli arancioneroverdi, che dopo due giorni finalmente si sono potuti allenare regolarmente senza dover fare i conti con le bizze del tempo, il solo Grighini, ancora dolorante per la microfrattura al mignolo del piede destro, ha lavorato a parte: difficilmente domani sarà convocato per la trasferta di Pagani. Da segnalare che domenica prima della partita sarà osservato un minuto di raccoglimento in ricordo di Salvatore Marrazzo, padre del vicepresidente azzurrostellato Francesco Marrazzo, scomparso il 2 aprile.





Michele Serena presentato al Taliercio

11 03 2008

serena.jpg 

Primo allenamento del neo alloenatore del Venezia, Michele Serena, al Taliercio dopo esser stato presentato alla squadra e alla stampa dal direttore sportivo Andrea Seno. E’ cominciata così la lunga settimana di avvicinamento all’attesissimo scontro (per i playoff) di domenica a Sant’Elena con il Padova. Domani doppio allenamento e giovedi amichevole con la Berretti del Venezia straordinariamente a porte chiuse proprio perchè nell’imminenza del derby il giovane tecnico lagunare non vuole scoprire le carte e provare nuovi schemi sotto gli occhi degli osservatori biancoscudati. Nessun squalificato nel Venezia, mentre il giudice sportivo della Lega ha fermato per un turno Fabio Di Venanzio, già diffidato e ammonito domenica nella partita pareggiata dal Padova 1-1 all’Euganeo con la Ternana. Nelle fila arancioneroverdi rientra invece dalla squalifica Emanuele Pesoli che resta però diffidato. Domani Arrigo e Ugo Poletti faranno visita alla squadra al Taliercio.





Ultimissime su Venezia-Pro Patria

23 02 2008

venezia.jpg                 pro_patria_scudetto_.jpg

Sarà una partita molto delicata per entrambe le contendenti quella che domani si disputerà al Penzo (ore 14.30): il Venezia deve fare bottino pieno per dimenticare il passaggio a vuoto di sette giorni fa contro il Foggia, appaiato ora in classifica agli arancioneroverdi a quota 37 punti, e per non perdere contatto col quinto posto che significa playoff. I bustocchi hanno pure bisogno di punti come dell’ossigeno: infatti nelle ultime otto partite hanno raccolto solo quattro pareggi e la zona playout è ora a sette lunghezze. Per D’Adderio problemi d’abbondanza in tutti i reparti, ad eccezione di Manolo Gennari, fermo ai box per una brutta distorsione alla caviglia. Paolo Poggi il probabile sostituto. Per quanto riguarda invece il versante biancoblù (a strisce orizzontali) Citterio dovrebbe sostituire in difesa lo squalificato Francioso, mentre a centrocampo Cigardi dovrebbe avvicendare il malconcio Negrini. Arbitro dell’incontro sarà Manna di Isernia che già l’anno scorso ha diretto Venezia-Pizzighettone 1-0.





Gennari out, tutti gli altri ok

22 02 2008

Dopo l’amichevole non troppo entusiasmante contro il Noventa Padovana, squadra del campionato dilettanti d’Eccellenza, vinta solo per 1-0 grazie ad un gol di Mirco Antenucci, gli arancioneroverdi si sono allenati oggi pomeriggio al Taliercio, ad eccezione di Manolo Gennari che proprio nella partita di ieri pomeriggio si è prodotto una distorsione alla caviglia e non sarà disponibile per il match di domenica a Sant’Elena con la Pro Patria. Domattina è prevista l’ultima rifinitura, sempre al Taliercio, durante la quale Fulvio D’Adderio scioglierà le riserve sulla formazione che affronterà al Penzo i bustocchi che in campionato non vincono dal 2 dicembre (Ternana-Pro Patria 1-2) ma che in trasferta hanno conquistato più punti che in casa (14-13). D’Adderio tornerà a sedersi sulla panchina arancioneroverde dopo aver scontato le due giornate di squalifica inflittegli dal giudice sportivo dopo l’espulsione rimediata a Sassuolo. La Berretti del Venezia, vittoriosa sabato scorso col Cittadella,  scenderà invece in campo domani (14:30) a Bassano contro l’altra capolista del girone C.





Caso Danucci: la Lega boccia il suo trasferimento dalla Ternana al Venezia

29 01 2008

La Lega Calcio di serie C  non ha concesso  il visto di esecutività al passaggio in prestito di Ciro Danucci, classe 1983, dalla Ternana al Venezia in ossequio all’art. 95 comma 2 che impedisce ad un giocatore d’essere trasferito coinvolgendo nella stessa stagione un numero maggiore di tre società. Ciro Danucci infatti, il primo luglio 2007, era passato dal Cesena al Catania, il quale successivamente l’aveva girato in comproprietà alla Ternana. Nelle prossime quarantott’ore il direttore sportivo Andrea Seno dovrà così correre ai ripari provvedendo all’acquisto di un altro centrocampista che abbia presumibilmente le stesse caratteristiche tecniche di Ciro Danucci che ha già fatto le valigie ed è tornato a Terni. Il mercato chiude alle 19 di giovedi prossimo, quindi non ci sarà nemmeno il tempo necessario, normalmente cinque giorni, per ottenere l’autorizzazione da parte della Lega per poter utilizzare gli eventuali nuovi acquisti (si parla anche di una giovane mezzapunta dell’Udinese) nell’impegnativa trasferta di domenica a Sassuolo. Piove comunque sul bagnato. Oggi infatti Daniele Mattielig non si è potuto allenare… Leggi il seguito di questo post »





Alfonso e Danucci al Venezia: è ufficiale

25 01 2008

Dopo Luca Conean e Vincenzo Pepe, terzo acquisto del Venezia al mercato di gennaio. Stamane infatti la società dei fratelli Arrigo e Ugo Poletti ha ufficializzato l’acquisto in prestito dalla Ternana del centrocampista Ciro Danucci, classe 1983, nato a Carosino, in provincia di Taranto, il 28 giugno sotto il segno del cancro, che in mattinata si è recato, accompagnato dal suo procuratore Lionello Manfredonia, nella sede di via Mestrina per la firma del contratto e nel pomeriggio sarà a disposizione di Fulvio D’Adderio per il primo allenamento con la maglia arancioneroverde. Ciro Danucci in comproprietà tra Ternana e Catania, è cresciuto nel settore giovanile del Taranto e conta, tra Cesena e Catania, anche venti presenze in serie B. All’andata, nel match di Sant’Elena del 25 novembre 2007, vinto dal Venezia per 2-0 (gol di Collauto su rigore e di Veronese), l’ex ternano, inpiegato per tutti i 90′ di gioco, dev’essere evidentemente piaciuto a Fulvio D’Adderio che ha dato l’ok per il suo arrivo in laguna.

In serata è stato perfezionato anche l’acquisto in prestito dall’Inter del diciannovenne portiere Enrico Alfonso, padovano di nascita, nove partite l’anno scorso nel Pizzighettone in C1, che, assistito da Tullio Tinti, ha firmato in sede il nuovo contratto che lo lega per cinque mesi al Venezia. Adesso il diesse Andrea Seno opererà soprattutto sul mercato dei giocatori in uscita dal Venezia e cioè dovrà trovare una collocazione per Romondini, Zerbini, Mandorlini e forse anche per Pradolin, in scadenza di contratto.